venerdì 27 febbraio 2015

2014: L'ANNO ( QUASI ) SENZA ESTATE


Nell'estate del 2014 l'emisfero settentrionale ha vissuto un'estate particolarmente fredda e umida, ricca di precipitazioni che ha fatto sentire i suoi effetti caustici sull'agricoltura e anche sul settore del turismo.
Negli Stati Uniti è stata una fredda estate da record.

Alla fine di luglio 2014 i dati medi di tutte le stazioni di temperatura della rete di Climatologia Storica hanno evidenziato che aveva battuto il record come la più fredda.
Un'altra estate freddo con una bassa frequenza di giornate con temperature registrate di sopra di 90 gradi è tornata nel 1992, l'anno in cui l'atmosfera era ricoperto di cenere dall'eruzione del Monte Pinatubo.

Tuttavia, tornando al 1880, solo un altra estate agli inizi del 1900 gareggiava con le letture di temperatura del 1992 e il 2014.
Un forte fronte freddo che è iniziato il 14 luglio ha sferzato tutto il paese, portando le temperature sotto la media per gran parte degli Stati Uniti centro-orientali.
La stessa cosa è avvenuta per il periodo di agosto 2014 dove nel territorio americano sono stati registrati anche alcuni record di nevicate quasi sconosciuti in estate.
Non è stato un tempo migliore ad agosto dove tra il freddo e la pioggia sono stati battuti diversi record di bassa temperatura in diversi stati.
Anche in Europa la situazione è stata altrettanto poco piacevole.
Il mese di luglio dovrebbe essere il più caldo dell’estate, invece, nel 2014 i giorni di caldo in Italia si potevano contare sulle dita di una mano.
Prendiamo Milano e Roma come città di riferimento.
Rispetto al 2013 a Milano le giornate finora con valori oltre i 30 gradi sono state solo 4 contro le 21 dello scorso anno; a Roma invece 11 contro 26.
Prendendo ancora Milano e Roma come città campione, nel mese di luglio sono stati registrati quantitativi di precipitazioni molto superiori alle medie del periodo.
Milano ha registrato finora, dai 120 ai 200 mm a seconda delle zone, contro una media per tutto il mese che dovrebbe essere di 60 mm, Roma dai 60 ai 100 mm contro una media per l’intero mese di 25 mm.
Numersi record di freddo e pioggia sono stati registrati non solo in Europa ma in diverse parti d'Europa, ma non ci soffermeremo su questo punto, piuttosto ci soffermeremo sulle cause che potrebbero essere trovate direttamente in Indonesia durante i primi sei mesi del 2014.

Il Monte Sinabung ( in indonesiano : Gunung Sinabung ) è uno stratovulcano del Pleistocene-Olocene di andesite e dacite nella pianura di Karo Karo Regency, Nord Sumatra, in Indonesia, a 25 km dalla caldera di Toba.
Il suo risveglio ebbe inizio nel 2010, quando dopo 400 anni di silenzio, nell'agosto si risveglio con una modesta eruzione, sebbene in realtà fosse solo l'inizio.
"La mia impressione è che questa esplosione potrebbe essere l'inizio di qualcosa di più grande", affermava il geologo Dr. Erik Klemetti.
Aveva ragione.
Arriviamo agli inizi di settembre e il Monte Sinabung erutta una potente raffica fresca di cenere calda e detriti a due miglia (migliaia di metri) in aria all'inizio del Venerdì Santo, come seguiterà a fare ancora per i successivi giorni di fila, per poi tornare a calmarsi fino al periodo 2013-2014 quando la sua attività si intensificò enormemente con colonne eruttive che raggiunsero anche i 10 chilometri di altezza e successivamente anche roventi valanghe piroclastiche portando l'evacuazione di decine di migliaia di persone dalle zone rurali adiacenti al sistema vulcanico.
La stratosfera è la fascia di atmosfera terrestre che si estende da 10-18 fino a 45 chilometri di altezza.
In ordine di altitudine la stratosfera segue la troposfera o, per meglio dire, la loro fascia intermedia chiamata tropopausa quindi l'altezza della colonna di cenere e anidride solforosa emessi dal vulcano hanno chiaramente raggiunto questo strato, dove stazionando per lunghi periodi, in media un'anno sono in grado di schermare la radiazione del sol rendendola più opaca e quindi influenzare chiaramente le temperature terrestri come accadde nel 1816, durante l'Anno Senza Estate, dopo l'eruzione del vulcano Tambora, Indonesia, nel 1815.
L'attività eruttiva è continuata con flussi piroclastici ed eruzioni minori fino a febbraio 2014.
Tuttavia era solo l'inizio.

Il 13 febbraio 2014 un'altro vulcano si risvegliò all'improvviso con un'altra potente eruzione che scaravento una gigantesca colonna di cenere e gas ad un'altezza ancora maggiore.
La cenere vulcanica del vulcano Kelud sembra che abbia interessato una superficie di circa 500 chilometri (310 km) di diametro, eruttando un totale stimato in 120 milioni a 160 milioni di metri cubi (4,2 × 10 9-5,7 × 10 9 cu ft).Il pennacchio si è alzato fino a una quota di 27 km e ha prodotto una nube a ombrello alta 19 km, poi traslata sopra l’Oceano Indiano.

E' chiaro che le polveri del vulcano hanno ampiamente ragginto lo strato descritto andandosi a sommare a quelle emesse dal vulcano Sinabung.

Successivamente è stato il turno il 30 maggio 2014 del vulcano Sangeang Api, Indonesia.
Dalla metà di giugno 2013, le autorità avevano già messo il vulcano su 'allerta' per una possibile eruzione.
Il 30 maggio 2014, una grande eruzione è avvenuta intorno alle 03:55 locali.
La colossale colonna di ceneri è rapidamente salita a un'altitudine di 15-20 chilometri verso il cielo.
Il mattino successivo, la nube di cenere aveva attraversato la costa nord-occidentale dell'Australia nella regione Kimberley e le compagnie aeree avevano cancellato i voli da e verso Darwin, Northern Territory. In seguito si è spostata fino ad Alice Springs nel Northern Territory.

E' chiaro quindi che dopo quest'altra eruzione lo strato della stratosfera sopra l'Indonesia era intriso di cenere e anidride solforosa che successivamente con il passare dei mesi sono state spinte dai venti in tutto il globo andando a schermare parzialmente, specialmente nell'emisfero nord, la radiazione solare e andando quindi a influire negativamente sugli eventi meteorologi dell'estate 2014. Potremmo ribatezzarlo chiaramente "l'Anno Quasi Senza Estate."













Fonti:
http://www.breitbart.com/big-government/2014/07/28/2014-the-coolest-u-s-summer-on-record/
http://wattsupwiththat.com/2014/08/23/cold-summer-us-daily-record-minimum-outnumbering-record-maximums-3-to-1-in-the-last-30-days/
https://stevengoddard.wordpress.com/2014/07/26/coolest-summer-on-record-in-the-us/
http://www.meteo.it/news/l-estate-2014-e-impazzita-pioggia-e-freddo-record-5644.shtml
http://vulcanonews.blogspot.it/2014/11/il-risveglio-del-vulcano-sinabung.html
http://www.ecoage.it/stratosfera.htm
http://en.wikipedia.org/wiki/Mount_Sinabung
http://en.wikipedia.org/wiki/Kelud
http://en.wikipedia.org/wiki/Sangeang_Api

lunedì 16 febbraio 2015

A DISTANZA DI UN MESE UN'ALTRO VULCANO ERUTTA A TONGA


Un altro vulcano ha iniziato a eruttare nell'Oceano Pacifico vicino a Tonga.
Pochi dettagli sono disponibili, ma di proprietà statale Radio Tonga afferma che piloti per la compagnia aerea nazionale di Tonga hanno avvistato una nuvola bianca che sorgeva a 600 metri dal mare, a sud ovest di nord delle Isole Vava'u, un'isola vulcanica non si è ancora formata.
L'area, nella parte occidentale dell'arcipelago Tonga è slla Cintra di Fuoco dell'Oceano Pacifico, una fascia sismicamente attiva con linee di faglia attraverso la regione.
Nel mese di dicembre un grande vulcano sottomarino si è risvegliato eruttando nei pressi della capitale di Tonga Nuku'alofa. In diversi punti il ​​suo vapore e cenere hanno bloccato il traffico aereo internazionale.
Questo vulcano ha smesso e la grande isola di cenere formatasi si è consumata nell'erosione delle onde.

Fonte:http://www.stuff.co.nz/world/south-pacific/66046576/new-volcano-eruption-spotted-near-tonga

lunedì 2 febbraio 2015

KAMCHATKA: POTENTE ERUZIONE DEL VULCANO SHEVELUCH


Una potente esplosione si è verificata questa mattina, alle 02:08 ora locale, al vulcano. Sembra un flusso piroclastico con grandi volumi di diversi km di lunghezza accompagnato da una colonna di cenere in aumento a circa 10 km di altitudine.

L'eruzione si è verificata dalla stessa zona della cupola di lava attiva nelle ultime settimane, vale a dire dal lato nord del cono della cupola vicino al muro 1964 caldera.

Fonte:http://www.volcanodiscovery.com/it/kamchatka/sheveluch/news/50770/Shiveluch-volcano-Kamchatka-Russia-large-explosive-eruption-this-morning.html

Comments System

Disqus Shortname