domenica 6 ottobre 2013

L'AUMENTO DEL VULCANISMO DAL 2005 FINO AL 2012


L'attività vulcanica sta registrando un sensibile un aumento già da oltre il primo decennio del 2000 è giusto fare un riepilogo per non dimenticarci quali sono i numerosi casi a rischio e quali sono le eruzioni che dobbiamo ancora attenderci.(per ora)

Nel settembre del 2005 il vulcano dormiente Obsidian Butte nella regione Salton Sea del sud della California ha registrato un significativo sciame di terremoti.
La regione ha mostrato 192 terremoti per la settimana del 1 ° maggio di quello stesso anno, quattro giorni dopo ne ha mostrati 650 nello stesso campo vulcanico.
L'ultima eruzione avvenne tra il 940 e il 0 aC, non 30.000 anni fa, come si pensava.
In Oregon invece, in quello stesso periodo, uno studio ha scoperto una grande inflazione vulcanica nell'area delle Three Sister, causata direttamente dalla spinta di una grande massa di magma.

Il rigonfiamento che si estende su circa 100 chilometri quadrati vicino alla
sorella Sud
indica che l'area è ancora in crescita, suggerendo che potrebbe essere un altro vulcano in formazione o un cambiamento importante di roccia fusa sotto il centro della Cascade Range.
La probabile causa del rigonfiamento è un corpo di magma che, secondo il geologo Larry Chitwood Deschutes del National Forest, è uguale per dimensioni a un lago di un miglio
di diametro e 65 metri di profondità.
Il lago di magma è in aumento di 10 piedi ogni anno, sotto una pressione tremenda, e
deforma la superficie del suolo mentre si espande, causando il rigonfiamento.
Flussi di basalto si sono verificati nella zona del rigonfiamento ogni 1.000 a 1.500 anni per gli ultimi 4000 anni, ha detto.
Arriviamo nel settembre del 2006 ed ecco che in Alaska, un vulcano che non eruttava da 10.000 anni si risveglia all'improvviso con il botto.

"Questo ci ha colto sulle spine.
Avevamo catalogato il Fourpeaked in quella categoria di vulcani di cui non abbiamo bisogno di preoccuparsi ", ha detto Michael West, un sismologo dell'Università di Alaska Fairbanks Geophysical Institute.

Arriviamo nel marzo 2007 e abbiamo la notifica scientifica che conferma l'aumento dell'attività vulcanica nello Yellowstone.
Gli scienziati non pensano che esploderà in qualunque momento presto, ma "significativa attività prosegue sotto la superficie."
"L'attività è aumentata ultimamente."
"I risultati, segnalati questo mese nel Journal of Geophysical Research, mostrano che la caldera 45x30 miglia si è gonfiata e sgonfiata in modo significativo durante il periodo di studio, con risultante una serie di piccoli terremoti che hanno prodotto 10 volte più energia che si verificherebbe se il terreno dovesse virare improvvisamente in una grande eruzione. "
Il pavimento della caldera è affondato di 4,4 pollici dal 1987 fino al 1995.
Dal 1995 fino al 2000, il bordo nord-ovest della caldera è aumentato di circa 3 centimetri, seguito da un altro aumento da 1,4 pollici fino al 2003.
Tra il 2000 e il 2003, il pavimento della è caldera affondato a poco più di un centimetro.
E dal 2004 al 2006 la base del cratere centrale è aumentato più velocemente che mai, spuntando di quasi 7 centimetri durante l'arco di tre anni.
"Il tasso è senza precedenti, almeno in termini di ciò che gli scienziati sono stati in grado di osservare a Yellowstone."
Nel aprile del 2007 un'altro vulcano in Columbia si risveglia con il botto.

Migliaia di persone sono state evacuate dopo che il vulcano ormai inattivo si è risvegliato provocando frane e inondazioni che hanno spazzato via case e ponti.
L'eruzione del Nevado del Huila era la sua prima registrata in Colombia da quando è stata colonizzata dagli spagnoli 500 anni fa.
Arriviamo nel 2008 e due potenti eruzioni in Cile e in Alaska scaraventano per mesi nubi di ceneri per centinaia di chilometri.

Il vulcano Okmok in Alaska continua a produrre esplosioni e pennacchi di cenere attraverso un cratere appena creato.
"La potente eruzione delle Aleutine orientali iniziata il 12 luglio, vomita un pennacchio di vapori, ceneri e ricco di gas che ha raggiunto un'altitudine di 50.000 piedi sul livello del mare.
Il pennacchio di cenere ha appena attraversato diverse centinaia di miglia attraverso il Pacifico del Nord, causando la deviazione di molti voli trans-Pacifici la cancellazione dei voli per l'aeroporto Dutch Harbor.
La nube di gas dalla eruzione è finita fino in Montana."

Pochi mesi prima invece, nel maggio 2008, in Cile, il vulcano Chaiten che non eruttava da 10.000 anni si è all'improvviso risvegliato con una gigantesca nube di cenere andata alla deriva oltre oceano.
Dopo mesi di enormi emissioni di ceneri, nel 2009 il vulcano ha avuto un'altra eruzione, meno intensa ma comunque di grande intensità.
Arriviamo nell'agosto 2008 e un terzo vulcano sempre nella catena delle Aleutine si risveglia con il botto sparando cenere nell'atmosfera.

Fino al 2008, l'ultima attività confermata a Kasatochi era nel 1899, ma che non è stato creduto essere una eruzione.
Le ceneri di queste esplosioni hanno raggiunto almeno 45.000 ft sopra il livello del mare.
Le emissioni di cenere divennero continue, dopo l'ultimo evento esplosivo e hanno prodotto una nube di cenere continua che si estendeva per più di 500 miglia in una spirale in senso antiorario.
Arriviamo nel dicembre 2008 ed ecco che la caldera dello Yellowstone torna a scuotersi con ben 250 scosse.
Sciami terremoto nella zona di Yellowstone non sono rari, ma questo è stato insolito.
Robert Smith, professore di geofisica presso l'Università dello Utah, dice: "Non sono di certo normali - non abbiamo avuto terremoti in questa energia o entità da molti anni."
"Questa è una zona vulcanica e tettonica attiva e questi sono i tipi di eventi cui dobbiamo prestare attenzione," ha detto Smith. "Potremmo vedere qualcosa di precursore".
Il Professor Smith dirige la Rete Sismica dello Yellowstone, che gestisce le stazioni sismiche intorno al parco. Ha detto che i terremoti hanno spaziato in forza da appena rilevabili ad una di magnitudo 3.9.
Peggio che peggio le cose vanno a gennaio.
Oltre 500 terremoti, grandi come magnitudo 3.9, sono state registrate dall'inizio di questa sequenza sismica inusuale che ha avuto inizio 27 Dicembre 2008.
Le profondità dei terremoti vanno da ~ 1 km a circa 10 km.

Arriviamo al 12 giugno del 2009 e nella catena di isole Curili, Russia , si attiva il vulcano Sarychev Peak, con un enorme nube di cenere che sale come un fungo atomico fino agli strati alti dell'atmosfera la quale viene fotografata dagli astronauti in orbita.
La quantità di cenere espulsa dall'eruzione è tale che il mese successivo i cieli della Gran Bretagna appaiono color cremisi.
"La notte il cielo sopra la Gran Bretagna si accende una profonda tonalità di cremisi questa settimana dalle conseguenze derivanti da un vulcano in eruzione russo.

"Milioni di tonnellate di polveri, ceneri e anidride solforosa sono stati gettati fino a 30 miglia nel aria quando il picco di Sarychev picco sull'isola di Matua dell'arcipelago delle Curili ha eruttato il mese scorso."
Abbiamo avuto sufficienti eruzioni vulcaniche da stravolgere il clima e accelerare il raffreddamento climatico prodotto dalla bassa attività solare.




Fonti:
http://www.iceagenow.com/Volcanic_acrivity_in_southern_California.htmù
http://expianetadidio.blogspot.it/2012/10/un-antico-vulcano-salton-sea-si-sta.html
http://www.nbcnews.com/id/9227930/#.UW2WlrVA3F8
http://www.avo.alaska.edu/activity/Fourpeaked.php
http://www.foxnews.com/story/0, 2933,258732,00. html
http://www.comcast.net/news/science/index.jsp?cat=SCIENCE&fn=/2007/04/18/640407.html&cvqh=itn_volcano
http://www.sciencedaily.com/releases/2008/07/080720093810.htm
http://news.aol.com/article/chile-volcano/351101
http://en.wikipedia.org/wiki/Kasatochi_Island
http://www.foxnews.com/story/0, 2933,400483,00. html
http://www.avo.alaska.edu/activity/Kasatochi.php
http://www.cbsnews.com/stories/2008/12/30/national/main4691128.shtml
http://www.iceagenow.com/Yellowstone_earthquake_swarm_continues.htm
http://www.dailymail.co.uk/sciencetech/article-1195215/Stunning-pictures-hole-clouds-astronauts-witness-volcano-eruption-International-Space-Station.html
http://www.dailymail.co.uk/sciencetech/article-1199352/Red-sky-night-Heavens-turn-crimson-Britain-Russian-volcano-erupts.html



Siamo nel gennaio 2010 e, quasi che fosse la sua stagione, lo Yellowstone torna a farsi sentire con uno sciame di 1000 scosse, ancora più grande dell'anno precedente, che fanno tremare la caldera.

"Questo è più della metà della media totale annua nel parco - 1.600 l'anno", continua l'articolo. "L'anno scorso, uno sciame di oltre 800 terremoti vicino Lago di Yellowstone è stato registrato a fine dicembre e inizio gennaio. In tutto, più di 1.650 terremoti sono stati registrati nel parco nel 2009."
Dieci dei terremoti sono stati di magnitudo 3.0 o superiore, mentre più di 800 sono stati meno di magnitudo 2.0.
Nel successivo mese di febbraio le cose erano peggiorate.
Dal 17 Gennaio, 2010 Yellowstone ha avuto 1.620 terremoti, il seconda più grande sciame mai registrato.
Gli sciami sono stati costanti a circa 10 miglia di profondità e si sono abbassati di profondità.

Arriviamo a marzo del 2010 e dopo quasi 200 anni di silenzio, in Islanda, si risveglia con il botto il vulcano Eyjafjallajokull con fiumi di lava e nubi di cenere che arriveranno fino in Europa creando problemi al traffico aereo per due mesi.
Questa è stata una piuttosto moderata e tranquilla eruzione, ma siamo preoccupati che potrebbe scatenare una eruzione del vicino vulcano Katla, un vulcano vizioso che potrebbe causare danni sia a livello locale e globale", ha detto Pall Einarsson, un geofisico dell'Università di Istituto dell'Islanda di Scienze della Terra.
Dopo mesi di attività sul vulcano Eyjafjallajokull ecco che il Katla ha dato il primo segnale di attività, circa il 6 maggio 2010, con un forte terremoto di magnitudo 3, direttamente sotto il ghiacciaio.

Pochi giorni dopo Thor Thordarson, un vulcanologo all'Università di Edimburgo, ammette che ben altri 3 vulcani in Islanda si stiano preparando per una grande eruzione.
"La frequenza delle eruzioni islandesi sembra salire e scendere in un ciclo della durata di circa 140 anni", ha detto.
"Nella seconda metà del 20 ° secolo, eravamo in un periodo di bassa, ma ora ci sono prove che potremmo essere vicini al picco."
Gli altri tre vulcani citati da Thordarson come potenzialmente vicini a una grande eruzione sono Grimsvotn, Hekla e Askja - che sono tutti più grandi di Eyjafjallajokull.
In passato, si sono dimostrati devastanti.
Solo Hekla ha eruttato circa 20 volte dal AD 874, versando un totale di due miglia cubiche di lava.
I geologi riferiscono che la neve sulla sommità di Hekla si stà sciogliendo suggerendo che il magma è in aumento.

Un recente rapporto ha suggerito che il Katla - 15 miglia a est di Eyjafjallajokull - è "vicino al fallimento [eruzione]".

Pochi giorni altri terremoti hanno cominciato a farsi sentire sul vulcano Katla, sebbene non accompagnati da alcuna eruzione.
E' la fine di maggio e in Sud e Centro America altre due forti eruzioni vanno a catapultare altra cenere nell'atmosfera, portandola a sommarsi a quella già presente del Eyjafjallajokull, costringendo migliaia di persone a fuggire e interrompendo il traffico aereo, con la cenere alla deriva sopra le principali città.

Il vulcano Pacaya in Guatemala - a circa 15 miglia a sud di Città del Guatemala - ha iniziato a eruttare lava e rocce, coprendo la capitale del paese con la cenere, mentre la cenere dal vulcano Tungurahua in Ecuador è salita 6 miglia (10 km) verso il cielo e alla deriva sopra la città più popolosa del paese, Guayaquil.

A Città del Guatemala, dove la cenere misurata tre pollici (7.5 cm) di spessore in alcune aree, ruspe hanno raschiato le strade annerite mentre i residenti hanno usato pale per pulire le auto e tetti.

Siamo a giugno e il Katla torna a farsi sentire con 4 ulteriori scosse di terremoto in 12 ore.Due giorni dopo il numero delle scosse è già salito a 13.
Siamo al 14 giugno e anche nelle Filippine il vulcano Taal comincia a dare segni di inquietudine.
L'Istituto filippino di vulcanologia e sismologia (Phivolcs) ha detto che la situazione al vulcano Taal è allarmante, e che un livello di allerta 2 resta in vigore.
Un livello di allerta 2 significa che il vulcano è in fase di intrusione magmatica che potrebbe portare ad una eruzione.

Anche se ci sono state 33 eruzioni registrate presso Taal dal 1572, è stato relativamente tranquillo dal 1977.
Intanto, torniamo in Islanda e il vulcano Askja mostra segnali di essere pienamente operativo.

Il vulcanologo Dr Hazel Rymer ha riferito che "Nuovo magma si sta accumulando. Questo è
ciò che accade prima di una eruzione, ma una quantità critica ha bisogno di accumularsi
e non possiamo dire quando. Noi non possiamo prevedere quando sarà un'eruzione
- potrebbe essere la prossima settimana o il prossimo anno ". Negli ultimi secoli Askja ha eruttato ogni 40 anni circa.
La sua ultima eruzione risale al 1961.
Stesso periodo avviene un'altra forte eruzione in Kamchatka.

Il vulcano Gorely di Kamchatka in Estremo Oriente della Russia ha vomitato vapore e cenere dopo essere stato dormiente per decenni.
Il pennacchio di cenere si è allungato per più di cento chilometri. (60 miglia)

Arriviamo al 10 luglio 2010 e l'Islanda insiste nel mantenersi protagonista della scena vulcanica quando il vulcano Katla viene scosso da 14 scosse in 48 ore.
Dieci giorni dopo quella stessa zona viene bombardata da un'altro potente sciame sismico nell'arco di 48 ore.
Il fenomeno si ripete nuovamente ad agosto con un'altro sciame sismico di 12 scosse nell'arco di 48 ore.

Arriviamo quasi alla fine di agosto e dopo 400 anni di inattività in Indonesia si risveglia con il botto il vulcano Sinabung.
Almeno due persone sono morte e migliaia sono state evacuate dopo che il vulcano sull'isola indonesiana di Sumatra ha eruttato per la prima volta in 400 anni, sparando fumo nero e cenere a 1.500 metri nel cielo.
Il vulcano indonesiano si trova a soli 30 km da Toba "La mia impressione è che questa esplosione potrebbe essere l'inizio di qualcosa di più grande", dice il geologo Dr. Erik Klemetti.
Arriviamo agli inizi di settembre e il Monte Sinabung erutta una potente raffica fresca di cenere calda e detriti a due miglia (migliaia di metri) in aria all'inizio del Venerdì Santo, come seguiterà a fare ancora per i successivi giorni di fila.
Nel frattempo con il finire di settembre, in Islanda, il vulcano Katla continua a manifestare forti picchi di attività sismica.

Intanto con il finire di settembre il vulcano Merapi, in Indonesia, comincia a evidenziare i primi aumenti dell'attività vulcanica tanto che tra la fine di ottobre e l'inizio di novembre a sua attività va talmente in fermento da diventare incontrollabile facendo 353 morti, e sparando cenere fino a 10 chilometri di altezza.
Una delle più potenti eruzioni da secoli.

Sempre verso la fine di ottobre altri due vulcani cominciano a farsi sentire in Russia.
Due vulcani sulla penisola orientale russa Kamchatka - Shiveluch e Kluchevskaya - ora stanno vomitando enormi nubi di cenere fino a 33.000 piedi (10 km) in aria, interrompendo i voli e la copertura di una città vicina con uno spesso strato di cenere.

Anche il vulcano Anak Krakatau in quei giorni ha subito un'impennata dell'attività.
In quei ultimi quattro giorni di l'attività attività esplosiva a Krakatau, Indonesia, è aumentata. Il vulcano eruttò 136 volte rispetto a una media recente di 10 al giorno.
A est di Giava, intanto, sembra in quei giorni aver fatto la comparsa una nuova isola la quale pochi giorni prima era praticamente inesistente.

Tutto ciò accompagnato dall'aumento dell'attività vulcanica di altri 8 vulcani indonesiani a livello 2.
-Monte Sinabung, nel Karo, Nord Sumatra
-Monte Talang, Solok, West Sumatra
-Monte Anak Krakatau, Lampung (Bambino di Krakatau Vulcano)
-Monte Papandayan, Garut, West Java
-Monte Slamet, Tegal, Giava Centrale
-Monte Dieng, Wonosobo, Central Java
-Monte Semeru, Lumajang, East Java
-Monte Bromo, Probolinggo, East Java

In seguito l'allerta venne aumentata a 21 vulcani in tutta l'Indonesia a causa di un lieve aumento della loro attività.
Intanto all'estremo nord in Islanda, il vulcano Katla venne scosso da un'altro tremendo sciame sismico, mentre in Nigeria un'altra eruzione vulcanica da parte di un vulcano prima sconosciuto ha inquinato le falde acquifere, l'ultima attività nella zona è avvenuta secondo alcune fonti 840.000 secondo altre 12.000 anni fa.

Successivamente nel gennaio del 2011 ecco che l'area del Katla torna a tremare a più non posso con uno sciame di oltre 40 scosse che fanno tremare anche la vicina area del Eyjafjallajokull.

Quello che avvenne l'anno successivo fu altrettanto tremendo.











Fonti:
http://billingsgazette.com/news/state-and-regional/wyoming/article_4fb397e8-0785-11df-a8df-001cc4c03286.html
http://powelltribune.com/index.php/content/view/3018/2/
http://news.yahoo.com/s/ap/eu_iceland_volcano
http://www.journallive.co.uk/north-east-news/todays -news/2010/03/24/volcano-could-help-und erstand-alluvioni-61.634-26.096.837 /
http://www.iceagenow.com/Is_Katla_beginning_to_act_up.htm
http://www.iceagenow.com/Yes_an_earthquake_at_Katla.htm
http://www.iceagenow.com/Many_more_Iceland_volcanoes_seem_to_be_stirring.htm
http://www.iceagenow.com/Two-maybe_three-quakes_at_Katla.htm
http://www.dailymail.co.uk/news/worldnews/article-1282291/Guatemala-volcano-kills-continue s-dump-black-ash-surrounding-areas.html
http://www.iceagenow.com/Four_earthquakes_at_Katla_in_past_12_hours.htm
http://scienceray.com/earth-sciences/iceland-katla-volcano-new-earthquake-activity-61110/# ixzz0qeo0NwvI
http://www.allvoices.com/contributed-news/6073534-authorities-alarmed-over-taal-volcano-worsening-situation
http://www.express.co.uk/posts/view/180291/Volcano-expert-warns-of-another-Icelandic-eruption
http://english.ruvr.ru/2010/06/12/9692858/
http://www.iceagenow.com/Katla-14_earthquakes_in_48_hours.htm
http://www.iceagenow.com/Big_swarm_of_new_quakes_in_Iceland.htm
http://www.dailymail.co.uk/news/article-1307187/Indonesia-volcano-Ash-covered-villagers-flee-animals-Mount-Sinabung-erupts-time-400-years.html
http://www.allvoices.com/contributed-news/6675813-new-burst-of-ash-from-awoken-indonesian-volcano
http://www.thejakartapost.com/news/2010/09/04/more-flee-following-strongest-eruption-yet-mt-sinabung.html
http://www.thejakartaglobe.com/home/eruption-threat-closes-mount-merapi-to-climbers/398206
http://www.diariometeo.com/scienze-della-terra/vulcanologia/item/190-nuova-eruzione-per-il-gunung-merapi-indonesia
http://news.ca.msn.com/top-stories/msnbc-article.aspx?cp-documentid=26128452
http://regional.kompas.com/read/2010/11/03/19022555/Anak.Gunung.Muncul.di.Perairan.Jembrana-5
http://theindonesiatoday.com/news-headline/5226-eight-volcanoes-status-raised-to-level-ii- status.html
http://www.vanguardngr.com/2010/11/volcanic-eruption-in-benue-one-person-feared-dead/
http://www.iceagenow.com/Almost_40_earthquakes_around_Iceland_volcanoes.htm


L'anno 2011 è stato un'anno particolarmente spettacolare per quanto riguarda l'attività vulcanica.
Ci eravamo lasciati nella terza parte con l'aumento dell'attività del vulcano Anak Krakatau e del Merapi, nel gennaio 2011 questa situazione aveva già cominciato a farsi..fiammeggiante.

L'undici gennaio 2011 le eruzioni del vulcano Anak Krakatau hanno cominciato a farsi tanto violente, in Indonesia, che hanno costretto l'evacuazione di decine di migliaia di residenti.
Sette distretti sono stati colpiti dalla caduta della cenera: Kalianda, Rajabasa, Katibung, Sidomulyo, Ketapang, Sragi e Palas.
Arriviamo quasi a fine gennaio e qui abbiamo avuto un sostanziale incremento dell'attività sismica e vulcanica nella Rift Valley dell'Africa.
"Negli ultimi mesi, l'attività sismica ha accelerato nel nord-est Africa in quanto il continente si stà rompendo al rallentatore.
I ricercatori dicono che la lava nella regione è in linea con il magma normalmente visto sul fondo del mare.
E che l'acqua coprirà infine il deserto."
Erano passati decenni da quando il famoso vulcano Erta Ale in Etiopia nord-orientale era è entrato in attività, ma nel novembre 2010, Cynthia Ebinger, un geologo presso l'Università di Rochester a New York, è volato in Etiopia con alcuni colleghi ricercatori. "Il vulcano era letteralmente spumeggiante; roccia lavica rosso fiammeggiante stava eruttando verso il cielo" ha detto Ebinger SPIEGEL ONLINE.
"Negli ultimi cinque anni, la trasformazione geologica del nord Africa ha" accelerato notevolmente, "dice Tim Wright, un ricercatore presso l'Università di Scuola di Terra e Ambiente a Leeds.
Infatti, il processo sta andando molto più veloce di quanto molti avevano previsto. Negli ultimi anni, i geologi avevano misurato pochi millimetri di movimento di ogni anno. "Ma ora la terra si sta aprendo al metro", dice Loraine Campo, uno studioso dell'Università di Bristol.
"Negli ultimi mesi, i ricercatori hanno anche registrato un'aumento dell'attività vulcanica.

Infatti, i geologi hanno scoperto eruzioni vulcaniche vicino alla superficie della terra in 22 posti nel triangolo di Afar nel nord-est dell'Africa.
Il magma ha causato crepe fino a otto metri (26 piedi ) di larghezza, riporta Derek Keir presso l'Università di Leeds. "
È interessante notare che il tipo di magma che ribolle nella regione è il tipo altrimenti visto eruttare dalle dorsali medio-oceaniche, che contiene "la stessa composizione chimica del tipo che emerge dai vulcani d'altura".
Il nuovo scoppio di attività è iniziata nel 2005, quando uno squarcio nella superficie lungo 60 chilometri si è improvvisamente formato nella depressione di Afar.
Da allora, circa 3,5 chilometri cubi (circa 8/10 miglia cubiche) di magma sgorgavano, secondo Tim Wright - sufficiente a coprire l'intera area di Londra per l'altezza di una persona media.
"Dal punto di vista geologico, la velocità con cui il magma sta spingendo avanti è sorprendente, incanalando la sua strada attraverso la roccia sotto la superficie della terra a velocità fino a 30 metri al minuto, dicono i rapporti Eric Jacques dell'Istituto di Fisica della Terra di Parigi.
"Della Oxford University David Ferguson prevede un aumento considerevole delle eruzioni vulcaniche e terremoti nella regione nel prossimo decennio.
Essi, dice," diventeranno sempre di più grande magnitudine ".
In quello stesso periodo in Giappone avviene una potente eruzione da parte di un vulcano che si risveglia per la prima volta dopo 50 anni.

Un cordone di un miglio è stata stabilita intorno al vulcano Shinmoedake sul monte Kirishima dopo che ha sparsi rocce e cenere in tutto il Giappone meridionale e inviato una nube di cenere a 5.000 piedi in aria.
I giorni seguenti l'eruzione si è intensificata a tal punto da diventare la più grande in circa 200 anni.
Arriviamo a gennaio 2011 e nel Montana, Stati Uniti, il vulcano Saint Helens viene scosso da un forte sciame di terremoti.

"Lo sciame attuale - circa due miglia di profondità - ammonta ormai tra i 30 e i 35 negli ultimi giorni. Il più grande terremoto, di magnitudo 2.6, è venuto a Domenica 30."

Allo stesso modo ci spostiamo in Italia, e scopriamo come agli inizi di febbraio il gigantesco sistema vulcanico dei Campi Flegrei è stato scosso da un forte sciame di attività sismica.
L'evento è seguito quasi a metà febbraio da un'altro sciame di terremoti sul Saint Helens, diversi terremoti - uno di magnitudo 4.3 - hanno coinvolto una zona a nord del vulcano, segnalati dallo US Geological Survey.
Secondo Bill Steele, Direttore dei Servizi Informativi, con l'Università di Washington, non ci sono segni di attività vulcanica, ma i terremoti potrebbero rappresentare variazioni del campo di stress del vulcano.
Il più grande terremoto "è stato abbastanza superficiale", ha detto Steele, "una profondità di circa cinque chilometri."
Le scosse di assestamento sono state relativamente grandi, ha detto Steele. "Almeno due maggiori di magnitudo 2.0, forse di più, e poi un sacco di altre minori".
Il giorno successivo, in Germania, la regione nei pressi di Coblenza è stata scossa da uno sciame di 7 terremoti che sono iniziati con un terremoto di magnitudo 4,5 che è esploso ad una profondità di 6 km, le scosse sono connesse con l'attività del vulcano quiescente Laacher See.

L'ultima volta che il Laacher See ha eruttato 12.000 anni fa, ha depositato cenere in gran parte dell'Europa.
In data 30 luglio 2010 un terremoto di 5.6 ha colpito la regione, segnale che a distanza di migliaia di anni la sua attività è ancora pienamente pulsante di vita.
Cinque giorni dopo duemila residenti intorno al Monte. Bulusan sono stati evacuati dopo una violenta eruzione di cenere nella mattinata.
Lt. Col. Santiago Enginco, comandante del 49 ° Battaglione di Fanteria con sede a Juban, ha detto che il vulcano ha vomitato una colonna di fumo e cenere a 2 km sopra il cielo, che è durata circa 20 minuti.
Arriviamo al 22 febbraio 2011 e Christchurch, in inglese "Chiesa di Cristo", in Nuova Zelanda, viene investita da un tremendo terremoto di 6.3. una più stretta e meno profonda scossa di 7.1 aveva già colpito la città il 4 settembre.
Ecco come i rapporti descrivono la scena:
Orrore e il caos. Cadaveri in giro. Aeroporto di Christchurch chiuso. Auto completamente schiacciate. Servizi di emergenza che stavano cercando di estrarre le persone dalle macerie. Persone intrappolate negli edifici. Scuotimento "molto violento".
Strade completamente strappate. Acque reflue in arrivo e inondazioni. Gli anziani sono tutti a piangere. Le persone non potevano uscire dalle loro case. Auto a metà strada affondate in mezzo alla strada. Un autobus affondato a metà strada in mezzo alla strada
C'è odore orribile.(zolfo) Le strade piene di automobili. Non c'era abbastanza polizia o ambulanze. Case tutte collassate. Una zona di guerra totale. Molte grandi scosse di assestamento. La guglia del Duomo di Christchurch è crollato.

Pare che le scosse della zona non siano solo il segnale che la l'attività tettonica sotto la Nuova Zelanda si stà risvegliando, ma addirittura un segnale della ripresa dell'attività da parte di due giganteschi complessi vulcanici estinti.

Christchurch, si compone di due sovrapposti vulcani spenti, il vulcano Lyttelton e il vulcano Akaroa e dal settembre dell'anno prima fino al terremoto di febbraio sono state registrate 4985 scosse minori.

Nel frattempo, i giorni che succedettero al terremoto fino al primo di marzo videro un'incremento sostanziale dell'attività sismica in un vulcano della penisola Islandese.
Ci sono stati 800 terremoti in un giorno sulla penisola islandese Reykjanes, mentre un altro report parla di 400 terremoti in un solo giorno.

Con tutta questa attività sismica, si preoccupano che il sistema vulcanico Krísuvík (scritto anche Krysuvik) potrebbe presto eruttare, tra maggio e novembre 2009 la zona sopra Krisuvik è stato sollevato di 3 cm.

Eruzioni hanno avuto luogo varie volte dopo l'insediamento d'Islanda, tra cui l'eruzione di un grande colata lavica dal cratere Ogmundargigar intorno al 12 ° secolo, probabilmente nel 1188.
L'ultima eruzione del Krsuvik ha avuto luogo durante il 14 ° secolo.
Nel frattempo, in Nuova Zelanda, fino all'11 marzo altre 88 scosse di "assestamento" continueranno a colpire l'area vulcanica di Christchurch.
Molti dei terremoti erano nel range di magnitudo 3.0, ma alcuni hanno registrato il più in alto di magnitudo 4.3, 4.6, 4.8 e 4.9.
Mentre nuove sorgenti di acqua termale hanno cominciato a emanare un forte odore di zolfo.
Un residente ha detto che c'era fetore di zolfo simile a quello di Rotorua, e che la loro acqua di sorgente aveva un odore di zolfo caratteristico.
Un altro ha detto che aveva trovato la polvere di zolfo sulla sua auto ed era sicuro che non fosse polline.
Lo zolfo è un fenomeno precursore noto di fenomeni di vulcanismo.
Ci spostiamo nuovamente in Giappone, nella quale l'11 marzo venne scosso da uno spaventoso terremoto.
Il sisma ha avuto magnitudo 9,0 con epicentro in mare e con successivo tsunami.
È stato il più potente sisma mai misurato in Giappone ed il settimo a livello mondiale.
Successivamente avvenne un'sostanziale incremento dell'attività vulcanica di due vulcani in Russia e uno in Indonesia.
E' interessante notare che la mostruosa eruzione del vulcano Shinmoedake ha preceduto il terremoto dell'11 marzo, segnale che probabilmente le eruzioni vulcaniche che succedettero al sisma non furono connesse con quest'ultimo ma con un'esteso fenomeno elettromagnetico.
"Il terremoto in Giappone e lo tsunami sono stati innescati da eventi massicce del Sole.", dice l'astrofisico Piers Corbyn.
"Il terremoto è stato preceduto da un brillamento solare di classe X un'effetto significativo della Terra da una espulsione di massa coronale", dice Piers.

Intanto agli inizi di aprile ecco che nel cuore degli Stati Uniti, lo Yellowstone ha ripreso a scuotersi con sessanta scosse compresa una di magnitudo 4.1.

Pochi giorni dopo ci si sposta in Kamchatka e osserviamo una forte eruzione del vulcano Bezymianny, con i rapporti preliminari della presenza di cenere almeno fino a 33.000 piedi.
IL Bezymianny è pensato con la grande eruzione del 1955/56 ad aver giocato un ruolo nel turno di clima freddo alla fine del 1950.

Giungiamo al 17 aprile e l'area vulcanica della Long Valley comincia a dare segnali di attività sismica con centinaia di terremoti in una zona molto prossima a Mono Lake.
Arriviamo alla fine di aprile e in Kamchatka avvengono due potenti eruzioni vulcaniche.

La cenere dal vulcano Shiveluch è salita quasi cinque miglia nel cielo sopra la penisola della Kamchatka in Russia, dove potrebbe eventualmente compromettere alcune rotte aeree.
Nel frattempo, RIA Novosti aveva segnalato un'eruzione del vulcano Kizimen.

L'agenzia di stampa ha detto che le renne stavano lasciando il loro habitat normale perché il loro consueto approvvigionamento di cibo invernale di muschio era sepolto sotto una spessa crosta di neve coperta di cenere."
Gli esperti della Riserva Naturale Krontosky avevano detto ai giornalisti che i numeri di renna può essere ridotto a meno di 1.000 a seguito dell'eruzione.
Accompagnate da un'altra eruzione in Ecuador del vulcano Tungurahua.

L'Ecuador aveva fatto una segnalazione nazionale ed evacuato tre città dopo che il vulcano Tungurahua, circa 80 km a sud est di Quito, ha iniziato a espellere lava verso i fianchi e in insediamenti di montagna e villaggi.
Una colonna di 5 chilometri di cenere ha generato una vasta, soffocante nebbia di gas tossici e fumo faccendo fuggire le persone dai paesi limitrofi.
Danni alle colture agricole e bestiame furono estesi.
"Secondo le nostre osservazioni, i danni alle colture, pascoli e piccoli effetti per la salute delle persone sono già evidenti" ha detto l'istituto ecuadoriano di geofisica.
Arriviamo al 21 maggio e uno dei vulcani previsti da Thordarson si risveglia con una colossale eruzione del vulcano Grismvotn.
Il 21 maggio alle 19:25 (UTC) è iniziata l’eruzione, accompagnata da alcune scosse di terremoto ed oltre 12 Km di pennacchio.

La colonna di ceneri, gas e frammenti di magma dell’eruzione è poi salita sino a 20 Km; paragonata con l’eruzione del 2004 è, finora, dieci volte più grande.
Gli studiosi affermano questa sia la più forte eruzione del vulcano Grimsvotn degli ultimi cent’anni eruttando in pochi giorni la stessa quantità di materiale eruttata in mesi dal suo predecessore del 2011.

Siamo ormai alla fine di maggio e nelle Filippine avviene un aumento dell'attività vulcanica del vulcano Taal, il quale seppure senza alcuna eruzione, causa una massiccia moria di circa 700 tonnellate di pesce.

Circa 400 tonnellate di più sono morti in altre città vicine.
Arriviamo al 3 giugno e avviene un forte incremento dell'attività vulcanica del Popocatepetel, in Messico, solitamente un vulcano tranquillo e dall'attività moderata.

Il vulcano Popocatepetl, che sovrasta Città del Messico, ha fatto saltare un pennacchio di cenere spettacolare a circa 2 miglia (3 km) verso il cielo la mattina presto.
Le autorità hanno detto che la cenere non era pericolosa per la popolazione, anche se la protezione civile coordinata da Laura Gurza ha ammesso che la nube era la più grande 'in diversi anni.'

Il Puyheue rimasto quiescente per oltre 50 anni si è risvegliato il 4 giugno in Cile con una grande eruzione durata diversi mesi, la nube di cenere ha raggiunto non solo il Brasile ma anche oltreoceano il Sud Africa, L'Australia e la Nuova Zelanda.
Difficile immaginare quanta forza ci vorrebbe per spingere milioni di tonnellate di cenere e roccia attraverso il cielo per più di 100 chilometri.
Forti venti hanno portato la nube di cenere a 9.400 km (5.800 miglia) attraverso il Pacifico in Nuova Zelanda dal vulcano cileno, la cenere dal vulcano aveva anche fatto una spirale in senso orario intorno all'Antartide ad altissima quota.
Questo è il primo evento del genere nel sud del mondo dal 1991, ha detto il dottor Andrew Tupper, capo del Volcanic Ash Advisory Centre australiano (VAAC).
Il Volcanic Ash Advisory Center (VAAC) ha detto Lunedi che il 5331 ft vulcano ha provocato un grande pennacchio di cenere fino a 8 miglia (13,5 km) di altezza. La scala dell'eruzione, rispetto alla eruzione in corso in Cile e l'eruzione del 2010 alle Eyjafjallajökull in Islanda, rimane poco chiaro.
Un'altro vulcano invece si trova oltreoceano, in Sud Africa, in Eritrea, considerato estinto da migliaia di anni il vulcano Nabro si è risvegliato pochi giorni dopo con una grande eruzione scaraventando enormi colonne di pulviscolo nell'atmosfera e imponenti flussi di lava spessi oltre un metro.


La nube di cenere dell'eruzione raggiunto altitudini che hanno perturbato il traffico aereo nella regione.
L'eruzione ha espulso una grande nuvola di cenere vicino al Eritrea-Etiopia nella regione di confine, che si estende per oltre 1000 km (620 mi) nel vicino Sudan .
L'altezza della nube di cenere ha raggiunto un picco a 14.000 m, il che implica un VEI di 3 o 4.

La nube di cenere ha iniziato l'interruzione del traffico aereo negli Emirati Arabi Uniti, alla base di Emirates i voli sono stati cancellati con Saudi Arabian Airlines voli.
In quegli stessi giorni l'area vulcanica di Christchurch, in Nuova Zelanda, è tornata a essere tormentata da una serie di potenti terremoti, facendo crollare almeno un edificio con un primo terremoto di magnitudo 5.2 che ha colpito durante la pausa pranzo. Poco più di un'ora dopo, quel sisma è stato seguito da uno più potente di 6.0 di magnitudo.
Mentre in Cile e in Eritrea l'attività vulcanica di Nabro e Puyheue stà infiammando il cielo con milioni di tonnellate di cenere e anidride solforosa, ai primi di luglio una serie di terremoti scuote un'area vulcanica dell'Australia.
Una previsione arriva poche ore dopo che due terremoti - uno di 4,4 magnitudo - ha colpito lo stato questa mattina.
"Dopo l'ultimo terremoto importante a Victoria ci sono stati più di 200 scosse di assestamento".
Gli scienziati hanno avvertito che i vulcani a Vittoria Western e South Australia potrebbero eruttare.

Gli scienziati dell'Università di Melbourne hanno scoperto che i vulcani di solito eruttano ogni 2000 anni, con l'ultimo eruzione di Mt Gambier, South Australia, 5000 anni fa.

Nello stesso giorno un forte terremoto, in Nuova Zelanda, scuote la caldera del lago Taupo, con una magnitudo di 6.5.
Arriviamo al 9 di luglio e a causa di un'aumentata attività geotermica avviene un'inondazione da fusione del ghiacciaio sul vulcano Katla, in Islanda.
L'alluvione gigante ha preso una fetta di 128 metri di lunghezza del ponte e parte della strada principale che circonda l'Islanda.


Seppure non sia avvenuta alcuna eruzione, confrontando nella parti precedenti l'aumento dell'attività sismica con il passare dei mesi e quest'ultimo evento, si comprende che poco alla volta questa titanica montagna sta diventando sempre più instabile.
Questa deduzione ci viene supportata dal fatto che il 27 luglio, quando una serie di Forti tremori sismici ha fatto tremare la montagna.
L'attività sismica intorno al Katla ha costantemente guadagnato forza nel corso delle precedenti cinque settimane, e gli osservatori ritengono insoliti che movimenti del magma in profondità sotto Katla potessero presegnalare una ripresa dell'attività.
Nel frattempo nel mese successivo il vulcano El Hierro, alle Canarie, stava cominciando a mostrare i primi tremori che avrebbero portato al suo imminente risveglio.


Fonti:
http://www.volcanolive.com/news.html
http://www.spiegel.de/international/world/0, 1518,740641,00 html
http://www.spiegel.de/international/spiegel/0,1518,405947,00.html
http://www.dailymail.co.uk/news/article-1351064/Japan-raises-alert-following-volcanos-biggest-eruption-50-years.html#ixzz1CH1rn7hD
http://www.iceagenow.com/Japan_on_Alert_After_Biggest_Eruption_in_50_Years.htm
http://www.iceagenow.com/Japanese_volcano_awakens_with_a_vengeance.htm
http://www.nwcn.com/home/?fId=114979094&fPath=/news/local&fDomain=10212
http://www.ilmattino.it/articolo.php?id=137704&sez=NAPOLI
http://www.columbian.com/news/2011/feb/14/43-magnitude-earthquake-volcano-sends-love-waves-o/
http://www.iceagenow.com/Is_Germanys_West_Eifel_volcanic_field_awakening.htm
http://www.abs-cbnnews.com/nation/regions/02/21/11/2000-leave-homes-bulusan-volcano-spews-ash
http://www.nzherald.co.nz/nz/news/article.cfm?c_id=1&objectid=10708013
http://www.nbr.co.nz/article/big-earthquake-hits-south-island-mn-86648
http://www.volcanodiscovery.com/it/iceland/krisuvik.html
http://www.iceagenow.com/Iceland-800_earthquakes_in_one_day.htm
http://www.iceagenow.com/88_quakes_in_Christchurch_during_past_7_days.htm
http://emigratetonewzealand.wordpress.com/2010/09/08/sulphur-smell-after-lyttelton-shake/
http://www.theweatherspace.com/news/TWS-3_11_2011_threevolcano.html
http://www.iceagenow.com/More_massive_earthquakes_and_tsunami_to_come_says_astrophysicist.htm
http://www.iceagenow.com/Sixty_earthquakes_in_Yellowstone.htm
http://www.weatherbell.com/jd/?p=773
http://www.iceagenow.com/Two_more_quakes_for_Hawthorne_NV.htm
http://www.earthweek.com/2011/ew110429/ew110429d.html
http://www.bbc.co.uk/news/world-latin-america-13222759
http://senzafissadimora.org/2011/05/23/grimsvotn/
http://www.ansa.it/web/notizie/photostory/curiosita/2011/05/29/
visualizza_new.html_843425933.html
http://news.yahoo.com/s/ap/20110529/ap_on_re_as/as_philippines_rotting_fish
http://www.monstersandcritics.com/news/americas/news/article_
1643374.php/Mexican-volcano-spews-3-000-metre-high-ash-cloud
http://fetonte.blogspot.it/2013/01/pegil-fuoco-dei-giorni.html
http://abcnews.go.com/Business/wireStory?id=13821193
http://www.sott.net/articles/show/229859-Australian-New-Zealand-flights-disrupted-by-Chilean-volcanic-eruption
http://www.couriermail.com.au/travel/volcano-ash-from-chile-reaches-nz-and-australia-cance ls-qantas-flights/story-e6freqwf-1226073601542
http://www.irishweatheronline.com/news/earthquakesvolcanos/ash-cloud-spreads-from-erupting-nabro-volcano-in-eritrea/19983.html
http://www.cbc.ca/news/world/story/2011/06/12/new-zealand-earthquake-christchurch-collapse.html
http://www.adelaidenow.com.au/news/national/earth-tremors-shake-the-ground-across-melbourn e/story-e6frea8c-1226087953701? da = public_rss
http://www.geonet.org.nz/earthquake/quakes/3540736g-maps.html
http://volcanolive.com/taupo.html
http://www.iceagenow.com/Third_Icelandic_eruption_in_just_over_12_months.htm
http://newsinfo.inquirer.net/22613/another-iceland-volcano-stirs-causing-flooding-official
http://theextinctionprotocol.wordpress.com/2011/07/27/icelands-feared-katla-volcano-shows-further-signs-of-eruption/


Tra la fine di luglio e inizio di agosto nell'isola vulcanica di El Hierro stava cominciando una serie di frequenti terremoti che si moltiplicarono con il passare dei giorni fino a superare il le migliaia di scosse.
Il numero totale di tremori registrati durante le ultime due settimane ha superato i 1.050", diceva un'articolo di Mark Dunphy.

"La stragrande maggioranza delle scosse sono state registrate nel nord-ovest dell'isola di 278,5 chilometri quadrati di El Golfo, la posizione di una frana che ha creato uno tsunami di 100 metri (330 piedi) di altezza quasi 50.000 anni fa.

Arriviamo al 11 agosto, (ricordiamoci che siamo nel 2011), e in Indonesia un'altro vulcano da segno di voler scatenare una potente eruzione.
Il Monte Papandayan, ha messo in allerta il Disaster Mitigation Agency Vulcanologia e Geologia sul rischio di una forte eruzione basato sulla crescente attività del vulcano.
"Il vulcano ha più energia rispetto alla sua ultima eruzione nel 2002" dicevano.
Arriviamo al 25 agosto e nel Niger, avviene un fatto interessante anche se non si sono verificate vere e proprie eruzioni vulcaniche.
Le autorità nigeriane e del gruppo Areva della Francia avevano inviato esperti per studiare le eruzioni, il fumo che fuoriusciva da una montagna nel nord della provincia delle miniera di uranio della nazione dell'Africa occidentale di Arlit".

All'inizio di quella settimana, i residenti avevano sentito esplosioni che hanno pensato essere state causati da un terremoto o un'eruzione vulcanica.
"La montagna rumoreggiava, dando l'impressione che stesse crollando. Fumo nero si alzava e c'era un odore di gas, in quanto proveniva da combustibile. "
Geologi e chimici hanno visitato la montagna Martedì a prelevare campioni.
Hanno trovato crepe nel fianco della montagna e le rocce a 400 metri di distanza
L'attività vulcanica nell'area è stata a lungo pensata essere finita.
Siamo ormai alla fine di agosto e l'attività sismica sul Katla torna a tuonare con sessantedue scosse di terremoto, delle quali M 2.
Intanto sul Nord Europa, sul confine Ceco-Tedesco, uno sciame di oltre 10.000 tremori metteva in allarme i residenti.

A molti di loro è passato inosservato da parte della popolazione locale, alcuni dei più grandi tremori, di cui otto di magnitudo superiore a 3 si sono fatti sentire nelle città di Chemnitz, Karlovy Vary, Birch, e Luby.

Negli ultimi anni, gli scienziati hanno notato un aumento del movimento di magma verso la superficie della terra nel bacino di Cheb, Repubblica Ceca occidentale.
Dicono che il magma in risalita potrebbe essere una delle cause degli sciami sismici, che si verificano regolarmente nel Vogtland, Boemia del Nord-Ovest, il Fichtelgebirge e dell'Alto Palatinato.

Ci spostiamo in Messico e sempre verso l'inizio di settembre, il Popopcatepetel cominciò a subire un'incremento dell'attività vulcanica, sparando colonne si cenere e gas a oltre un chilometro di altezza.
Nel frattempo in Indonesia a causa di un cospicuo incremento dell'attività, 18 vulcani in Indonesia furono elevati di grado sul livello di allerta.
Il Volcanology and Geological Disaster Mitigation Center (PVMBG) aveva elevato lo stato dei tre vulcani a Nusa Tenggara. "I vulcani sono Anak Ranakah, Tambora e Lewotobi Perempuan," diceva Sutopo Purwo Nugroho del National Disaster Management Agency.
Questo portò il numero di vulcani in stato di "allerta" indonesiani a diciotto, due dei quali erano a livello di allerta 3, o "Siaga".

Sutopo aveva detto che una maggiore intensità delle eruzioni profonde e superficiali di Anak Ranakah a East Nusa Tenggara portò i funzionari ad aumentare il loro stato di allarme per avvisare, il terzo livello più alto, il 26 agosto. Ventiquattro eruzioni profonde e 10 eruzioni superficiali erano state registrate nei pressi del vulcano dal 24 Agosto.

Intanto la settimana intermedia tra agosto e settembre aveva visto sul vulcano Katla, in Islanda, una forte quanto frequente attività sismica al punto che gli scienziati hanno cominciato a preoccuparsi che il magma fosse in movimento all'interno del grande complesso vulcanico, il quale ormai da diversi anni stà dando segni di essere in preparazione di una forte eruzione.
Il fenomeno si è ripetuto qualche giorno dopo con un sensibile incremento dell'attività sismica tra cui le scosse di magnitudo 2 e 3.
Arriviamo al 9 aprile ed ecco che in Indonesia, il vulcano Tambora, responsabile dell'Anno Senza Estate nel 1816, comincia a dare segnali di risveglio, portando il suo livello di allerta a 3 - il 3 ° gradino del livello di allarme di emergenza che conta solo quattro livelli - dopo due giorni di continui tremori.
Il vulcano era stato innalzato al livello 2 avviso appena otto giorni prima, dopo un aumento di terremoti vulcanici.

"L'attività sismica ha continuato ad aumentare, in particolare nel registro di shock vulcano-tettonici legati a fenomeni di fratturazione e migrazione di accompagnamento del magma".
«La questione è seria e merita di essere seguita" ha aggiunto il PVMBG.
Dal Tambora la catastrofica eruzione nel mese di aprile del 1815 è stata la più potente eruzione nella storia registrata e ha abbassato le temperature globali di ben 3 gradi ° C. La sua ultima eruzione risale al 1967.

Un'altro fatto degno di nota di quei giorni si tratta dell'eruzione del vulcano Puyheue, in Cile, che dall'inizio di giugno, stava ancora sparando cenere nell'atmosfera.

Siamo quasi a metà mese e un'altra violenta eruzione del vulcano Siveluch fa salire una colonna di cenere a 10 chilometri nell'atmosfera.
Le attività del vulcano Shiveluch, che sorge a circa 3283 metri sul livello del mare, sono aumentate dal 2009.
Stesso giorno, in Islanda un'altro vulcano comincia a manifestare segnali di attività sismica.
Una serie di terremoti ha colpito il vulcano sub-glaciale Oraefajokull nel Vatnajökull, sud-est dell'Islanda.
Anche se il più grande di questi terremoti, di cui ci sono stati solo otto, era di magnitudo 2.2 sulla scala Richter, hanno catturato l'attenzione degli scienziati che si chiedono se il vulcano islandese potrebbe essere in preparazione di un'altra eruzione.
Nessuno stà "gridando al lupo", ha detto il geofisico Ari Trausti Gudmundsson, ma l'attività sismica è molto raro nel Oraefajokull.

Oraefajokull ha eruttato due volte da quando l'Islanda è stata abitata nel 9 ° secolo dC, una volta nel 1300 e di nuovo nel 1700.
L'eruzione del 1362 eruzione distrusse un'intera regione, successivamente l'area divenne abitata di nuovo, e gli è stato dato il nome di Öraefi, che significa "terra desolata."

Arriviamo al 18 settembre, e il vulcano Nabro, che il 12 giugno dopo migliaia di anni di silenzio aveva eruttato per mesi enormi quantità cenere e zolfo nell'atmosfera terrestre, segnalò una rinnovata attività sismica, con un'altra eruzione e forti emissioni di anidride solforosa.
Il giorno successivo si segnala, nell'isola di Sumbawa, Indonesia, che gli agricoltori circostanti stavano fuggendo dall'area a causa dei continui tremori del vulcano Tambora.
"A parte un paio di lampi minori in vapore nel 1960, la montagna è stata tranquilla per gran parte degli ultimi 200 anni."
Siamo quasi alla fine di settembre ed ecco che la situazione di El Hierro si era fatta drammatica.
Le Isole Canarie vulcaniche avevano sperimentato l'attività sismica inusuale nel corso degli ultimi due giorni, provocando allarme tra la popolazione e le autorità.
Più di 7.800 terremoti erano stati registrati dal 19 luglio, mentre di solito l'isola registra solo dieci o dodici all'anno.
El Hierro, aveva eruttato l'ultima volta 218 anni fa, nel 1793.
I terremoti non sono stati l'unica prova del risveglio di El Hierro.
Nei giorni scorsi c'è stato un piccolo aumento del suolo, tra 20 e 25 millimetri, un altro indicatore prima di un'eruzione. Un terzo fattore è l'aumento dei livelli di anidride carbonica..
Arriviamo a fine mese e l'attività del vulcano Anak Krakatau, in Indonesia, tornò ad aumentare con un continuo aumento dell'attività sismica.

Il vulcano Anak Krakatau fu stato elevato a livello IV, dopo che 2.745 terremoti avevano colpito la zona da mezzogiorno.
I terremoti sono diventati continui e si sono fatti sentire lungo l'intera isola di Anak Krakataù.

Pochi giorni dopo l'attività sismica del Katla, in Islanda, tornò a scuotere l'area del vulcano con 60 tremori vulcanici, tre dei quali con magnitudo superiore al 3.
Siamo al 9 ottobre e alle Canaria, Isola di El Hierro, dopo 10.000 tremori vulcanici raggiunti viene emesso il primo allarme eruzione nell'area dell'isola.
Pochi giorni dopo, si venne a scoprire che l'eruzione stava già avvenendo al largo della costa a 2000 metri circa di profondità.
Le autorità governative hanno sospeso le attività di traghetto per 285 km quadrati dell'isola, e hanno raccomandato che le barche non possono navigare a più di quattro miglia al largo di El Hierro, e hanno messo in guardia i subacquei di sospendere tutte le attività, i circa 11.000 abitanti di El Hierro sono stati rassicurati di non essere allarmati.
I giorni successivi invece sono stati scoperti altri due centri eruttivi sottomarini del vulcano, di gran lunga più vicini alla costa rispetto il precedente.
Le autorità dicono che gli squarci eruttivi che si sonio aperti hanno provocato macchie d'acqua verde con un forte odore sulfureo con la conseguenza che un sacco di pesci morti sono stati rilevati nelle acque di superficie.
In Islanda intanto, gli scienziati continuavano ad esprimere preoccupazione circa di una possibile eruzione del vulcano Katla.
"Ora, grappoli di piccoli terremoti sono stati rilevati intorno al vulcano Katla, il che significa che un'eruzione potrebbe essere imminente, dicevano i sismologi. I terremoti stanno anche crescendo in forza.
"I registri mostrano che Katla di solito ha una grande eruzione due volte al secolo. Dal momento che la sua ultima eruzione era quasi esattamente 93 anni fa, è pronto per un'altra. "
Pochi giorni dopo, alle Canarie, l'eruzione di El Hierro si è intensificata al punto che è possibile osservarne gli effetti direttamente sulla superficie del mare.

Arriviamo al 22 ottobre e l'attività del vulcano Anak Krakatau, in Indonesia, non si è ancora placata.
Con diversi terremoti vicino al sud di Sumatra di 5.0 e 5.1 di magnitudo, le autorità hanno temono che Anak Krakatau fosse a capo di una eruzione che poteva far impallidire quella del 2007.
Il numero di scosse sismiche registrate dal vulcano aveva superato le 5.000 al giorno.
Ci sono state anche segnalazioni di una nebbia gassosa che avvolgeva il vulcano in una foschia giallastra - qualcosa che non è mai stato osservato nel vulcano prima.

Pochi giorni dopo, mentre l'attività del vulcano El Hierro, alle Canarie, continuava ad intensificarsi un si è avuta un'impennata dell'attività del vulcano Lokon, in Indonesia, che ha scatenato due forti eruzioni vomitando fumo caldo e cenere migliaia di metri in aria. Le due grandi eruzioni sono state precedute da diverse piccole esplosioni.

Siamo passati ormai al 27 ottobre e anche in Cile avviene un'aumento dell'attività vulcanica del vulcano Hudson che ha rilasciato tre enormi colonne di vapore e cenere da tre diversi crateri in una nube all'altezza di 5 chilometri.
Siamo ormai ai primi di novembre e viene emesso un'allarme per un'altro recidivo vulcano cileno Puyehue, seppur sia stata un'eruzione minore rispetto alla precedente.
Con il passare dei giorni e l'intensificarsi dell'eruzione di El Hierro, alle Canarie, la temperature del mare circostante l'isola comincia ad alzarsi, la temperatura dell'acqua del mare nella zona sono salite verso l'alto di 20 gradi F (11 C).

Un'evidente segno di come il vulcanismo sottomarino sia responsabile del riscaldamento di una vasta porzione degli oceani portando ad un'aumento dell'evaporazione nell'atmosfera.
Intanto il 7 novembre, il Congo è interessato da un'altra spettacolare eruzione vulcanica, quella del vulcano Nyamulagira.

Si è aperta una fenditura di diversi km e si tratta di un eruzione non "ortodossa" in quanto il magma e le polveri fuoriescono a lato del vulcano.
Quella di questo vulcano è stata una delle più forti eruzioni da un secolo a questa parte.

Siamo al 20 novembre, e intanto, ci spostiamo oltreoceano, in Messico, dove il vulcano Popocatepetel subisce un'incremento sostanziale dell'attività vulcanica con una potente eruzione che scaraventa una colonna di vapore gas e ceneri a cinque chilometri di altezza.
Intanto in Islanda, altri vulcani prima silenziosi avevano cominciato a presegnalare una rinnovata attività sismica.




Fonti:
http://www.iceagenow.com/El_Hierro_earthquakes_now_exceed_1050.htm
http://www.thejakartaglobe.com/home/volcano-agency-warns-of-likely-papandayan-eruption/461307
http://www.reuters.com/article/2011/08/25/niger-eruption-idUSL5E7JO1G620110825
http://iceagenow.info/2011/08/earthquake-swarm-katla-volcano-myrdalsjokull-glacier/
http://www.ig.cas.cz/en/structure/observatories/west-bohemia-seismic-network-webnet/recent-information-about-earthquake-swarm-in-west-bohemia/
http://www.adelaidenow.com.au/news/breaking-news/mexico-volcano-blasts-out-ash/story-e6frea73-1226126460525
http://iceagenow.info/2011/09/18-indonesian-volcanoes-alert-status/
http://www.clickgreen.org.uk/news/international-news/122493-quake-hit-iceland-volcano-katl a-shows-strengthening-signs-of-eruption.html
http://iceagenow.info/2011/09/lots-tremors-beneath-katla-volcano/
http://www.activolcans.info/eruption-volcanique-du-volcan-Tambora-201109.html
http://en.wikipedia.org/wiki/Mount_Tambora
http://www.irishweatheronline.com/news/earth-science/geology/volcano/eruptions-continue-at-chiles-puyehue-cordon-caulle-volcano/35979.html
http://www.chinadaily.com.cn/world/2011-09/13/content_13677964.htm
http://www.icelandreview.com/icelandreview/daily_news/Is_Iceland%E2%80%99s_Tallest_Volcano_Awakening__0_382115.news.aspx
http://earthquake-report.com/2011/07/07/nabro-eruption-31-people-killed-at-the- etiope-s ide-migliaia-di più-bisogno-aiuto /
http://news.yahoo.com/farmers-flee-worlds-deadliest-volcano-rumbles-100259369.html
http://www.larazon.es/noticia/2223-alerta-volcanica-en-la-isla-de-el-hierro
http://us.nasional.vivanews.com/news/read/251927-ribuan-kali-gempa-status-anak-krakatau-siaga
http://iceagenow.info/2011/10/anak-krakatau-erupts/
http://www.wired.com/wiredscience/2011/10/earthquake-swarm-keeps-icelands-katla-rocking/
http://news.yahoo.com/volcanic-eruption-alert-spanish-canary-island-122519992.html
http://www.irishweatheronline.com/news/earth-science/geology/subsea-volcanic-eruption-unde rway-near-el-hierro-the-canary-islands/41266.html
http://earthquake-report.com/2011/09/25/el-hierro-canary-islands-spain-volcanic-risk-alert-aumento-di-giallo /
http://www.mirror.co.uk/news/top-stories/2011/10/13/iceland-volcano-katla-ready-to-erupt-and-paralyse-air-traffic-115875-23486427/
http://www.canariesnews.com/2011/09/28/el-hierro-earthquakes-update
http://theextinctionprotocol.wordpress.com/2011/10/22/on-the-brink-tremors-increase-at-anak-krakatau-to-5000-a-day/
http://www.huffingtonpost.com/2011/10/26/mount-lokon-volcano-erupts-indonesia_n_1032303.html
http://news.yahoo.com/ash-cloud-rises-above-restive-chilean-volcano-132248601.html
http://www.plenglish.com/index.php?option=com_content&task=view&id=445807&Itemid=1
http://iceagenow.info/2011/11/nyamuragira-volcano-erupting-congo/
http://thewatchers.adorraeli.com/2011/11/08/rwanda-nyamulagira-volcano-eruption-in-dr-congo/
http://earthquake-report.com/2011/09/25/el-hierro-canary-islands-spain-volcanic-risk-alert-increased-to-yellow/
http://www.msnbc.msn.com/id/45175621/ns/world_news-europe/
http://www.dailymail.co.uk/sciencetech/article-2058436/El-Hierro-volcano-ready-eruption-Homes-evacuated-Spains-southern-Canary-Islands.html


Eravamo rimasti nel novembre 2011 con la forte eruzione del vulcano Popocatepetel.

Siamo al 22 novembre quando in Guatemala si assiste ad'un'impennata del vulcano Fuego con una colonna di ceneri e gas alta due chilometri che poi si è dispersa producendo una pioggia di cenere nelle comunità di Panimaché, Morelia, Sangre de Cristo, e Santa Sofia.
In quel periodo di novembre l'America Centrale è stata coinvolta da un vero e proprio aumento dell'attività vulcanica che ha compreso diversi vulcani.
Il 20 novembre, il vulcano Popocatepetl in Messico ha scatenato una colonna di cenere alta 5 km.
Il 22 novembre, l'alto vulcano Fuego in Guatemala ha seguito l'esempio con una colonna di cenere alta 2 km.
Il 25 novembre, lo stato di allerta della Colombia, è stato sollevato per il vulcano Galeras ad arancione.
Il 26 novembre, la densa cintura superiore vulcanica di El Salvador è stata scossa da uno sciame di oltre 700 scosse in un periodo di 24 ore.

Mentre il 29 novembre il vulcano Tungurahua in Ecuador è l'ultimo segno rivelatore il quale anch'esso è stato soggetto ad una forte impennata della sua attività con un flusso di lava che è sceso a valle dal suo cratere sommitale ed eruttando nubi di cenere all'altezza di tre chilometri.

Arriviamo a inizio dicembre e un'articolo pubblicato sulla BBC da un certo O' Brien afferma che nell'ottobre del 2011 oltre cinquecento scosse hanno scosso i dintorni e l'interno del cratere del vulcano Katla.
"Questo certamente suggerisce una eruzione potrebbe essere imminente," dice Ford Cochran, esperto del National Geographic sull'Islanda.
Siamo al 4 dicembre e l'eruzione del vulcano Tungurahua, Ecuador, aumenta ulteriormente la sua intensit.
Ruggiti potenti e forti esplosioni che hanno tuonato come cannonate provenienti dal vulcano Tungurahua ihanno fatto tremare le finestre e scuotere la terra nelle città vicine, dicevano gli esperti dell'Istituto di geofisica (IG).
Le colonne di cenere con un alto carico di cenere sono salite a 2,5 miglia (4 km) al di sopra del cratere facendo piovere la granaglia nera su una dozzina di paesi vicini.
Il giorno successivo invece, si ha un'altro vulcano in Indonesia aumenta la sua attività.

Il Monte Gamalama in Indonesia ha sparato cenere a due chilometri nell'atmosfera
L'eruzione, che ha spinto cenere a 2.000 metri verso il cielo, ha costretto un aeroporto in città di Ternate ai piedi del vulcano a chiudere, ha detto il portavoce del ministero dei trasporti Bambang Ervan.

Il 13 dicembre invece, si assiste a un forte sciame di terremoti sul vulcano Hengill, in Islanda.

Hengill è stato oggetto di un'intensa attività sismica nel 1994-2000, quando più di 80.000 terremoti sono stati registrati nel vulcano e dintorni.
Oltre 80.000 piccoli terremoti si sono verificati presso il vulcano tra il 1994 e il 1998.
La maggior parte della sismicità e della deformazione si è conclusa dopo due M6.6 terremoti nel sud dell'Islanda, nel giugno 2000.
Il vulcano è ancora attivo, testimoniato dalle numerose sorgenti termali e fumarole, ma l'ultima eruzione avvenuta circa 2000 anni fa.

Tuttavia a farci capire che lo sciame sismico del 2011 non è stato un'evento isolato, si informa che il 17 dicembre, un'altro intenso sciame di terremoti ha preso piede, facendoci capire che la sotto cova ancora "la brace."

Siamo ormai al 21 dicembre, prossimi alla Vigilia di Natale, di quell'anno e in Yemen, nel Mar Rosso, entra in eruzione un vulcano al largo di Saba Island, emergendo dalla supericie del mare tra nuvole di vapore e cenere.
I pescatori hanno detto che questo è il primo vulcano mai visto nella regione.

Arriviamo alla Vigilia di Natale, e il vulcano Sakurajima scatena una potente eruzione tra colonne di cenere e scariche elettriche, coprendo di lava l'intero apparato vulcanico.

Arriviamo al 27 dicembre in Indonesia, e il vulcano Lokon scatena una forte eruzione.
L'eruzione è stata sentito fino a cinque chilometri di distanza, provocando il panico tra gli abitanti dei villaggi che vivono vicino al vulcano.
I venti hanno soffiato la cenere vulcanica nei villaggi fino a cinque chilometri a est e nord-est.
Due paesi con circa 10.000 persone ciascuno sono stati colpite dalla cenere, che si era depositata in mattinata.

Segue il 29 dicembre l'eruzione del vulcano Cleveland, in Alaska, con una moderata eruzione che rilascia una colonna di cenere a 3 miglia nell'atmosfera, fortunatamente senza problemi per l'aviazione aerea.

Arriviamo al 6 gennaio 2012 e si segnala una pericolosa area vulcanica in Oregon che già in passato aveva destato preoccupazioni a causa di frequenti sciami sismici e sollevamento del suolo a causa della crescente pressione magmatica sottostante i complessi vulcanici delle Three Sisters.
Anche se questa regione non ha visto un'eruzione in almeno 1200 anni, i nuovi dati vengono ora a rivelare che la causa più probabile del sollevamento - da 1,76 miliardi di per 2,47 miliardi di piedi cubi (50-milioni-70-milioni di metri cubi) è una massa di magma che invade la crosta a circa 3-4 miglia (5 a 7 km) verso il basso.
Questo è sufficiente a riempire 28.000 olimpioniche piscine.
I satelliti dell'Agenzia Spaziale Europea mostrano che il terreno si è sollevato in tre fasi distinte.
Dal 1996 al 1998, il terreno è aumentato di 0,4 pollici (1 cm) per anno.
Dal 1998 al 2004, il sollevamento è cresciuto a 1,2-a-1.6 pollici (3-a-4 cm) per anno, per poi scendere a pochi millimetri all'anno, per un totale di 9,8 pollici (25 cm) di sollevamento finora.
I ricercatori avevano precedentemente creduto che il sollevamento si fosse fermato attorno al 2006, ha detto il ricercatore Susan Riddick, un geodesista presso la University of Oregon.
Tuttavia, "abbiamo scoperto che il terreno è ancora esaltante dalla fine del 2010 ma ad un ritmo lento."
"Se l'eruzione dovesse avvenire, sarebbe produrre un piccolo cono di lava frammentaria, poi l'eruzione potrebbe essere localizzata all'interno della zona delle Three Sister e non rappresenta un grande pericolo per il pubblico delle città vicine", ha detto Riddick.
"Tuttavia, questo può cambiare se si accumula più magma in profondità, motivo per cui il monitoraggio continuo di questa zona è fondamentale".

Arriviamo all'8 gennaio e il vulcano El Hierro, torna a intensificare la sua attività con rinnovato vigore con segnalazioni di un'aumento dell'attività sismica e nuovi frammenti piroclastici di pomice che arrivano in superficie galleggiando.
Il giorno successivo altri sette vulcani in Indonesia subiscono un'impennata della loro attività.
I sette vulcani sono Papandayan in West Java, Karangetang e Lokon nel Nord Sulawesi, Ijen a East Java, Gamalama nel Nord Maluku, Anak Krakatau in Lampung e Lewotolo a East Nusa Tenggara, secondo l'Agenzia Nazionale Disaster Mitigation.
Lokon Mountain scoppiato il Venerdì, mentre Monte Gamalama ultima eruzione risale agli inizi di dicembre.
Siamo al 15 gennaio e il numero di vulcani è già salito a venticinque con un'intensa attività anomala.
A Sumatra c'erano due vulcani che dovevano essere strettamente sorvegliati, e cioè il Monte Marapi e il Monte Talang, in quanto erano in stato di allerta.
Attenzione prioritaria è stata rivolta anche al Monte Papandayan, Mt Karangetan, Monte Lokon, M Ijen, Monte Gamalama, Monte Krakatau e Mt Lewoloto.
Il fatto che così tanti vulcani in pochi giorni possano aver subìto un'impennata della loro attività lascia piuttosto perplessi.



Fonti:
http://hisz.rsoe.hu/alertmap/site/?pageid=event_desc&edis_id=VE-20111122-33123-GTM
http://iceagenow.info/2011/11/volcanic-seismic-awakening-pan-america/
http://www.dailymail.co.uk/news/article-2067811/Four-villages-evacuated-volcano-begins-erupt-Ecuador.html#ixzz1f8WMFENF
http://www.bbc.co.uk/news/world-europe-15995845
http://retiringphilippines.org/
http://english.cri.cn/6966/2011/12/05/2724s670156.htm
http://adsabs.harvard.edu/abs/2005AGUFM.V21D0638F
http://www.volcanolive.com/hengill.html
http://www.yobserver.com/local-news/10021711.html
http://www.accuweather.com/en/weather-news/new-volcanic-island-in-the-red-1/59690
http://www.youtube.com/watch?v=eSysKpw9Qw8
http://www.news.com.au/world/panic-as-indonesian-volcano-erupts/story-e6frfkyi-1226231255907
http://news.yahoo.com/alaska-volcano-sends-ash-plume-15-000-feet-185730891.html
http://www.ouramazingplanet.com/2212-magma-causing-oregon-uplift.html
http://iceagenow.info/2012/01/renewed-activity-el-hierro-volcano/
http://www.thejakartaglobe.com/nvironment/7-indonesian-volcanoes-on-alert-agency/4898
07
http://www.thejakartaglobe.com/home/25-volcanoes-showing-abnormal-activity-presidential-aide/491341




Comments System

Disqus Shortname