venerdì 3 marzo 2017

LO STATO CRITICO DEL BARDARBUNGA - SECONDA PARTE


Nella prima parte abbiamo focalizzato la nostra attenzione sull'esteso vulcanismo che connette l'area del Bardarbunga con altre aree più a nord come Askja e abbiamo concentrato la nostra attenzione nei punti nella quale la rinnovata presenza di imponenti accumuli magmatici derivanti dalle note intrusioni a diga e dalle comuni camere magmatiche hanno una maggiore probabilità di produrre importanti eruzioni di intensità e talvolta anche durata maggiore o simile a quella dell'eruzione di Holuhraun del 2014-2015.

La nostra attenzione stavolta si sposta a sud del Bardarbunga, dove l'area del vulcano Loki-Fögrufjöll-Hamarinn si rischia ancora maggiormente la formazione di un nuovo sito eruttivo collocato stavolta direttamente sotto il ghiacciaio.
Il Loki-Fögrufjöll è un vulcano in Islanda situato sul bordo occidentale del Vatnajökull e appartenente al sistema vulcanico Bárðarbunga la cui caldera principale si trova nord-est.Nel corso dei recenti anni e anche poco prima dell'eruzione del vulcano Bardarbunga, estesi sciami sismici nell'area meridionale del Vatnajokull e direttamente nel settore di
Loki-Fögrufjöll-Hamarinn hanno evidenziato come in un'estesa area sotto il ghiacciaio imponenti intrusioni magmatiche stiano avendo luogo in profondità sotto il vulcano.
La sequenza di immagini successiva rappresenta i principali sciami di terremoti che hanno coinvolto l'area:

La presenza di questa intensa attività sismica nell'area nel corso degli anni indica che il sistema del vulcano ha accumulato nel corso degli anni un bacino magmatico di dimensioni sufficienti a rivaleggiare con quello del vulcano Bardarbunga, la presenza di ulteriori sciami e scosse minori nel corso degli anni evidenzia semplicemente che i processi che accompagnano la formazione e l'aumento del volume della camera magmatica sono ancora in atto, nonostante il vulcano non sia molto noto per la sua pericolosità.
Dopo l'ultima imponente inondazione glaciale del 2016 è chiaro che l'attività idrotermale dei calderoni Skaftárkatlar sta aumentando e le aree idrotermali stanno crescendo in dimensioni.
Ciò significa che c'è più energia che fluisce nei sistemi idrotermali e l'unico modo che spieghi tutto ciò l'afflusso di nuove masse magmatiche all'interno del vulcano.
Questo sviluppo è preoccupante, sia nel breve e lungo termine. Questo aumenta il rischio di minore eruzione del vulcano Loki-Fögrufjöll notevole, a mio avviso. Rischio di grande eruzione in Loki-Fögrufjöll vulcano è anche aumentato. Ultima eruzione in Loki-Fögrufjöll vulcano che era grande ha avuto luogo nel 1910 e durò da giugno a ottobre dello stesso anno.
Dal momento che questo vulcano è connesso con il vulcano Bardarbunga è incerto se possa essere parte del processo di rifting che ha coinvolto quest'ultimo nel periodo 2014-2015 durante l'eruzione di Holuhraun, tuttavia vista la notevole quantità di sciami di terremoti legati a nuove intrusioni magmatiche nel corso degli anni il potenziale di una nuova fase eruttiva al di sotto della calotta glaciale sarebbe molto violenta a causa dell'interazione tra magma e la base del ghiacciaio, la cui massiccia fusione del ghiacciaio produrrebbe una lunga sequenza di eruzioni freatomagmatiche con violente esplosioni e massiccia emissione di cenere che si propagherebbe anche a grandi distanze.
Esiste anche un'altro rischio legato all'area del vulcano Hamariin, Bardarbunga e Grimsvotn.

Il 05 luglio 2016 un terremoto di magnitudo 3.4 ha avuto luogo trai vulcani Bárðarbunga, Grímsfjall (e Loki-Fögrufjöll).
L'area interessata comprende l'area orientale dove sciami di terremoto legati ai processi magmatici del vulcano Hamariin hanno luogo giò dagli anni novanta, tuttavia quello che preoccupa è la possibilità che le camere magmatiche possano entrare in interazione con quella del vulcano Grimsvotn.

Questo terremoto suggerisce che una complicazione è sulla strada.
La domanda qui è se una interazione tra Bárðarbunga e Grímsvotn vulcano è sulla strada.
Dal momento che entrambi i vulcani si stanno preparando per una eruzione.
Nella peggiore delle ipotesi un'intrusione a diga dal Bárðarbunga potrebbe unirsi al vulcano.
Un risultato di uno di tali eventi è piuttosto un'eruzione catastrofica, anche se solo per un breve periodo di tempo, tuttavia i processi magmatici che stanno legando questi tre apparati vulcanici (due dei quali connessi) potrebbe innescare una fase eruttiva simile a quella del 1783 dell'ormai nota eruzione di Laki-Grimsvotn.
A distanza della sua ultima eruzione del 2014-15 il Bardarbunga possiede ancora il potenziale di produrre grandi eruzioni sia nell'area settentrionale (Holuhraun-Askja) sia dell'area meridionale (Loki-Fögrufjöll-Hamarinn), entrambe le aree come il sistema centrale stanno manifestando la presenza di un'elevato tasso di ricarica magmatica candidandosi per una nuova fase eruttiva legata ai processi del vulcano.





Comments System

Disqus Shortname